Rifugio Levi Molinari | Monte Niblè
162
post-template-default,single,single-post,postid-162,single-format-standard,edgt-core-1.0,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,vigor-ver-1.1, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,side_menu_slide_with_content,width_370,wpb-js-composer js-comp-ver-4.4.2,vc_responsive

Monte Niblè

Altezza: m 3.365 m Dislivello in salita: 1.373 m Dislivello in discesa: Tempo in salita: 4.30 – 5 ore Difficoltà: BSA consigliati ramponi e picozza Esposizione: sud-est poi ovest, nord-ovest E’ un’escursione che va effettuata da sci-alpinisti esperti. Dal rifugio si prende verso nord-ovest l’evidente vallone dei Colli d’Ambin che si risale dapprima sul lato destro. Si prosegue così, su terreno via via più ripido e stretto fino al Colle Est d’Ambin, 2921 m. Dal colle si prende a destra e si sale la larga cresta ovest del Monte Niblè. In questo tratto è necessario prestare attenzione alle cornici di neve e quindi evitare di passare troppo a filo di cresta e accertarsi di condizioni di meteo buone. Quando si incontra una barriera di rocce ci si sposta a sin. sul versante francese nel facile Glacier du Ferrand; si ritorna in cresta verso la spalla a 3343 m, che è anche il punto dove si tolgono gli sci. Superando qualche roccetta si arriva facilmente in cima. Discesa: La discesa effettuata lungo l’itinerario di salita sia sul ghiacciaio sia sui pendii sotto al Colle d’Ambin è emozionante. Altra possibilità (organizzandosi per il rientro con le macchine) è effettuare la traversata fino alle Grange Molaretto in Val Clarea. Si torna alla spalla 3343 m e si attraversa verso nord il Glacier du Ferrand per portarsi al Colle Sud dell’Agnello posto sulla cresta nord-ovest della Punta Ferrand, presso la quota 3180m). Si attraversa il colle e si scende per il Ghiacciaio dell’Agnello in direzione est nord-est per arrivare abbastanza facilmente al Rifugio Vaccarone. Qui occorre compiere un largo giro a destra e prendere verso sud una serie di dossi e vallette passando in mezzo tra il Bric dei Francesi e il Monte Arià. Più in basso il terreno è più ripido e si raggiunge il fondo del Vallone di Tiraculo. Si poggia allora a sin. e si segue il fondo del vallone passando accosto alle Grange Valentino e a Tiraculo da cui su mulattiera si arriva alla strada carrozzabile della Val Clarea nei pressi delle Grange Molaretto, 1098 m.

No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.